,

Dieta dissociata: come dimagrire in modo sano e veloce

dieta dissociata

Restare in forma, ad oggi, sembra un miraggio irraggiungibile. Girovagando su internet è possibile trovare svariate tipologie di diete, dalle più semplici alle più estreme. La maggior parte delle diete presenti sul web però risultano quasi sempre essere poco efficaci nel lungo periodo, provocando spesso il classico effetto boomerang che tanto spaventa gli amanti del corpo snello. Per fortuna esistono delle diete sicure ed efficaci a cui affidarsi senza timori. Tra queste, troviamo la dieta dissociata.
La dieta dissociata è un particolare regime alimentare ideato dal Dott. William Howard Hay nel lontano 1931, diventata famosa per la sua semplicità di esecuzione oltre che per i grandi risultati ottenuti da chi ha deciso di intraprenderla. L’idea che sta alla base della dieta dissociata è la cosiddetta teoria delle combinazioni alimentari, cioè la capacità di associare e dissociare determinati alimenti in maniera corretta, rispettando alcune tra le principali reazioni chimiche che avvengono durante il processo digestivo. Seguendo alcune semplici regole sarà possibile migliorare la digestione e l’assimilazione delle sostanze nutritive e, di conseguenza, dimagrire in modo sano, perdendo fino a 5 kg in una sola settimana.

Come funziona la dieta dissociata?

La dieta dissociata segue uno schema alimentare preciso. Prima di tutto, dovremo dividere il cibo nelle seguenti macrocategorie: carboidrati, proteine, frutta, verdura, grassi.
A questo punto, le regole da seguire saranno poche ed abbastanza semplici:

 Ad ogni singolo pasto è possibile consumare cibo appartenente ad una sola categoria
– Non abbinare mai due tipologie di proteine differenti, come ad esempio carne e pesce insieme
– Non associare cibi ricchi di proteine a cibi ricchi di carboidrati
– Non associare proteine e latticini nello stesso pasto
– Consumare la frutta lontano dai pasti principali
– Limitare il consumo di cibi ad alto contenuto di carboidrati e zuccheri e consumarli sempre lontano dagli altri pasti
– Concentrare il consumo di carboidrati durante la prima parte della giornata
– Effettuare il pasto più abbondante tra le 13 e le 16 
– Bere almeno 2l di acqua al giorno
– Consumare a cena cibi ricchi di proteine ed escludere il più possibile i carboidrati

Non fatevi spaventare dalle regole alla base della dieta dissociata, è sicuramente più difficile a dirsi che a farsi!

Esempio di menù settimanale

dieta dissociata menu

Di seguito, troverete un esempio di menù settimanale basato sulla dieta dissociata. Ovviamente si

tratta di uno schema generico, che servirà a farvi capire il meccanismo di questo particolare regime alimentare. È sempre consigliabile rivolgersi ad un professionista esperto in nutrizione prima di affrontare una qualsiasi tipologia di dieta.

  • LUNEDI’:
    Colazione: 
    Latte scremato, caffè
    Pranzo: 
    Risotto allo zafferano
    Cena: 
    Petto di pollo grigliato con verdure

  • MARTEDI’:
    Colazione: 
    Yogurt con frutta, caffè
    Pranzo: 
    Pasta integrale con pomodorini e basilico
    Cena: 
    Zuppa di legumi

  • MERCOLEDI’:
    Colazione: 
    Frullato di frutta
  • Pranzo: Risotto con funghi
    Cena: 
    Uova sode accompagnate da verdura

  • GIOVEDI’:
    Colazione:
     Latte scremato con caffè
    Pranzo: 
    Pasta integrale con verdure
    Cena: 
    Pollo al forno

  • VENERDI’:
    Colazione: 
    Yogurt magro con frutta
    Pranzo: 
    Spaghetti integrali con zucchine
    Cena:
     Pesce al vapore con pomodorini

  • SABATO:
    Colazione: 
    Frullato di frutta
    Pranzo: 
    Risotto con verdure
    Cena: 
    Petto di tacchino saltato in padella con verdure

  • DOMENICA:
    Colazione: 
    Latte scremato con caffè
    Pranzo: 
    Pasta integrale con pomodoro
    Cena: 
    Orata ai ferri con verdure

Come potete capire dando una rapida occhiata al menù d’esempio precedentemente riportato, le ricette che stanno alla base della dieta dissociata sono abbastanza facili, proprio perché l’obiettivo della dieta è quello di mangiare in modo più semplice e meno “pasticciato”. Seguendo le regole della dieta dissociata sarà possibile perdere peso già dopo la prima settimana.

Dieta dissociata: opinioni e controindicazioni

Le opinioni riguardo la dieta dissociata sono contrastanti. Alcuni medici sostengono che lo schema alimentare previsto dalla dieta dissociata dovrebbe essere il normale modo di alimentarsi di ogni individuo, proprio perchè viene vista come una dieta “completa”. Molti altri medici invece sostengono l’esatto contrario, poichè per dimagrire in maniera corretta e duratura è necessario bilanciare i macronutrienti ed assumerli in base al proprio fabbisogno. È sempre bene rivolgersi ad un nutrizionista prima di affrontare la dieta dissociata, in modo da poter capire se sia effettivamente una tipologia di dieta adatta al proprio fisico. In molti hanno già provato a dedicarsi a questa particolare dieta e sono riusciti a perdere svariati chili, altri purtroppo hanno dovuto interromperla.
La dieta dissociata non prevede particolari controindicazioni. È sconsigliata alle donne in stato di gravidanza o allattamento, ai bambini, a chi soffre di diabete a in alcuni casi anche alle donne in menopausa. Alcuni soggetti che intraprendono la dieta dissociata potrebbero accusare alcuni leggeri disturbi come ad esempio una sensazione di affaticamento, poche energie e senso di nausea. In ogni caso, è sempre bene rivolgersi ad un medico.

Rispondi