, ,

Fico d’India: enormi benefici in pochissime calorie

fico d'india

Il fico d’India è un frutto particolarmente delizioso, ricco di fibre, vitamine e sali minerali. In grado di apportare numerosi benefici all’organismo, si rivela anche un valido alleato di chi vuole mettersi a dieta.

Entriamo quindi nei dettagli e scopriamo assieme caratteristiche, proprietà, controindicazioni e come si mangiano i fichi d’India.

Fico d’india: come si presenta e caratteristiche

Il fico d’India, Opuntia ficus-indica L., è una pianta grassa appartenente alla famiglia delle Cactaceae, ovvero la stessa del cactus. Originaria del Messico, è molto diffusa anche in Italia, presentandosi come pianta siciliana e calabrese. Viste le caratteristiche, per il fico d’India la coltivazione è consigliata nell’orto o nel giardino. Oltre ai suoi frutti, infatti, la pianta fico può essere utilizzata come frangivento in quanto in grado di raggiungere un’altezza pari a 3 metri.

Il fico d’India frutto, inoltre, si presenta di colore giallo/arancio, dalla forma allungata ed è ricoperto di spine. Proprio per questo motivo è opportuno raccogliere e pulire i fichi d’India utilizzando i guanti.

Fico d’India proprietà e calorie

La polpa del fico d’india è particolarmente succosa, contiene molti semi ed è ricca di acqua, vitamine, in particolare C e B3, e sali minerali. Proprio per questo motivo grazie ai fichi d’India i benefici all’organismo sono davvero tanti. In particolare questo frutto aiuta a combattere la stitichezza, aumentare il senso di sazietà e di conseguenza aiuta a perdere peso. Le fibre, in particolar modo, tengono a bada il livello di glicemia. Nei fichi d’India le calorie sono davvero poche, ovvero 53 per 100 grammi di alimento. Ma le proprietà fichi non finiscono qui!

Questo frutto, infatti, permette di assimilare sia meno grassi che zuccheri, così come anche di ridurre il colesterolo cattivo nel sangue, aumentando, invece, quello buono. Ecco che forse i fichi possono essere considerati una delle soluzioni alla classica domanda: come dimagrisco?

Non è finita. Il fico d’India aiuta anche a stimolare la diuresi e depurare il fegato, eliminare le tossine, i liquidi in eccesso e a combattere ritenzione idrica e cellulite. Anche il fegato beneficia delle proprietà fichi d’India, in quanto gli antiossidanti contenuti in questo frutto proteggono il fegato dai danni provocati da sostanze tossiche. A svolgere questo compito sono soprattutto i fiori utilizzati per la preparazione di infusi. In tal senso si consiglia anche di introdurre nella propria alimentazione l’olio di fico d’India. Grazie ai flavonoidi in esso contenuti, il fico d’India aiuta anche a combattere la tosse.

fico d'india
Proprietà a calorie fico d’india

Il fico d’India fa ingrassare o dimagrire?

I fichi fanno ingrassare? A quanto pare no! Le calorie fichi d’India, come già detto, sono davvero molto ridotte e per questo motivo, contrariamente a quanto si possa pensare, questo frutto è un valido alleato nella lotta contro i chili di troppo. Per questo può essere utilizzato in molte diete supermetabolismo.

Le fibre solubili contenute in questo frutto, quindi, aiutano a dimagrire e possono essere introdotte nella propria alimentazione mangiando il frutto così com’è, oppure sotto forma di mostarda di fichi d’India e altre pietanze. A tal proposito scopriamo 3 esempi di ricette semplici ed efficaci da realizzare con il fico d’India.

Fichi d’India ricette

Ecco qui di seguito 3 facili ricette grazie alle quali gustare al meglio i fichi d’India.

Gelato di fico d’India e foglie di cedro

Quale migliore ricetta per gustare il fico d’India se non il gelato? Buono da gustare e particolarmente rinfrescante, è la soluzione giusta per soddisfare il palato anche dei più piccini.

gelato al fico d'india
Gelato al fico d’india

Ingredienti per realizzare il gelato di fichi d’india e cedro occorrono:

  • 700 gr. di fichi d’India ben freddi di frigo;
  • 250 ml di latte freddo di frigo;
  • 200 ml di panna fredda di frigo;
  • 130 gr. di zucchero;
  • 10 foglie di cedro profumate.

Per preparare questo gelato bisogna innanzitutto sbucciare i fichi d’India. A questo punto mettere tutti gli ingredienti nel mixer e frullare fino a quando lo zucchero non è completamente sciolto. Passare quindi il composto con il colino o un passaverdura per togliere i semi dei fichi d’India e i residui delle foglie di cedro. Far riposare un po’ il composto nel frigo, o nel congelatore, e mettere nella gelatiera. Lasciare quindi mantecare per circa 30/35 minuti, tenere nel congelatore e tirare fuori 5/10 minuti prima di servire il gelato.

Mostarda di fichi d’India

Un’altra gustosa ricetta a base di fichi d’India è la mostarda.

mostarda al fico d'india
Mostarda al fico d’india

Ingredienti per prepararla:

  • 1,5 kg di fichi d’india;
  • 1 arancia o 1 mandarino;
  • mezzo cucchiaino di cannella;
  • mezzo cucchiaino di semi di finocchio;
  • 8 chiodi di garofano;
  • amido/maizena q.b.

Per realizzare la mostarda di fichi d’India bisogna innanzitutto togliere la buccia ai fichi d’India e romperli con le mani all’interno di una pentola. Procedere con una cottura a fuoco moderato per circa 15-20 minuti assieme all’arancia, la cannella, i semi di finocchietto selvatico e i chiodi di garofano. Una volta trascorso il tempo bisogna spegnere la fiamma e attendere che si raffreddi leggermente.

A questo punto versare il tutto al centro di un panno di cotone o di lino e chiudere a fagotto iniziando a spremere ed a torcerlo su se stesso in una pentola. Mettere quindi a fuoco e lasciar cuocere a fuoco lento fino a quando non raggiunge la metà del volume iniziale. Spegnere la fiamma e verificare quanto sia il peso del liquido: bisogna calcolare di mettere la decima parte di amido per litro. Rimettere il composto a fuoco moderato e mescolare con una frusta sino a quando non si sarà addensato poco più di una crema. Per finire, versare negli stampi bagnati e mangiare a temperatura ambiente.

Risotto ai fichi d’India

Se invece vogliamo preparare un primo con il fico d’India? Ebbene in questo caso è possibile preparare un gustoso risotto ai fichi d’India.

risotto al fico d'india
Risotto al fico d’india

Per realizzare questa pietanza gli ingredienti sono:

  • 350 gr di riso Vialone Nano;
  • 4-5 fichi d’india;
  • 1 bicchiere di Prosecco;
  • 1 scalogno;
  • formaggio spalmabile;
  • 1 litro di brodo vegetale;
  • sale, pepe e olio evo.

Come in tutte le preparazioni, il primo passo da fare è sbucciare i fichi d’India. Passare quindi nel passaverdura e mettere da parte succo e polpa così ottenuti. Tritare lo scalogno e far appassire con un filo d’olio. A questo punto buttare il riso e tostare per un paio di minuti. Aggiungere quindi il prosecco e sfumare. In seguito aggiungere anche il succo dei fichi d’India e man mano anche il brodo. Giunti a metà cottura, ovvero dopo circa 10 minuti, insaporire con qualche fogliolina di timo. Proseguire la cottura aggiungendo il brodo poco per volta e, quando il risotto è quasi pronto, mantecare con del formaggio spalmabile e aggiustate con sale e pepe. Il risotto ai fichi d’India è pronto per essere mangiato.

SCOPRI ALTRI CONSIGLI PER >> DIMAGRIRE MANGIANDO <<

Controindicazioni

Oltre ad apportare numerosi benefici, anche i fichi d’India hanno delle controindicazioni. Chi soffre di colite o di diverticoli, in particolare, dovrebbe evitare di mangiare questo tipo di frutto: i suoi semini rischiano di infiammare ulteriormente l’intestino e di aggravarne i sintomi. A maggior ragione, il consumo eccessivo di fichi d’India è sconsigliatissimo. Il rischio? Soffrire di stitichezza. Le fibre del fico d’India, infatti, potrebbero compromettere la regolarità intestinale di chi ne abusa.

Rispondi